Viaggio a Monaco di Baviera: cosa vedere oltre l'Oktoberfest.

Vagamondo.it ti aiuta a organizzare il tuo viaggio a Monaco di Baviera, in Germania. Cosa vedere oltre l'Oktoberfest in più giorni, cosa mangiare, dove dormire.

Vai ai contenuti

Menu principale:

Save on your hotel - hotels.ilvagamondo.it
Monaco di Baviera: cosa vedere oltre l'Oktoberfest
by il Vagamondo / Germania / città d'arte29 nov 2016

Monaco di Baviera9
Monaco di Baviera, città tedesca famosa per l’Oktoberfest, la festa della birra più grande del mondo che ogni anno, per due settimane si tiene a Theresienwiese, il prato di Therese, una grande zona all'aperto e visitata da più di sei milioni di persone solo nell’occasione di questo evento. Monaco di Baviera è non solo Oktoberfest, che sicuramente vale da sola una visita almeno una volta nella vita, ma è anche tanto altro.
La storia di Monaco di Baviera inizia nel 1158 quando Enrico il Leone, duca di Sassonia, colloca un accampamento militare battezzandolo Munichen (in latino Monacum, mezzo secolo più tardi ricevette lo status di città fortificata. Nel 1327 l'intera città fu distrutta da un incendio, ma venne ricostruita in pochi anni grazie anche all'aiuto dell'imperatore del Sacro Romano Impero Ludovico IV.
Il Centro Storico è sicuramente la zona più interessante della città: imperdibile la Marienplatz, la piazza dedicata alla Madonna, la cui statua capeggia sulla colonna che si trova al suo centro. Il vero e proprio centro di Monaco, il salotto della città, un luogo dove ci si da appuntamento, dove si va per bere una birra, per fare shopping, con svariati negozi di abbigliamento e souvenir, camminando in relax considerando che la piazza è inglobata nella grande area pedonale che caratterizza il centro storico. La piazza, dominata dalla Frauenkirche, la Cattedrale di Nostra Signora e dal Municipio, imponente edificio neogotico, sede degli uffici del sindaco e dell'amministrazione comunale con un'alta torre di 81 metri domina la facciata principale e cattura l'attenzione dei turisti perché ospita il più grande carillon della Germania, il Glockenspiel. Si compone di due piani: nel piano superiore sono rappresentati i festeggiamenti per il matrimonio del duca Guglielmo V intorno al 1500 mentre in quello inferiore è rievocata l'antica danza dei bottai che simboleggia il ritorno di Monaco alla consueta normalità e alle feste dopo la fine della peste che la coinvolse dal 1515 al 1517.
Altra attrazione di Monaco di Baviera è l’Olympiapark, amatissimo dagli abitanti di Monaco, costruito in occasione dei XX Giochi Olimpici estivi del 1972. Il parco, grande quasi tre kmq, comprende lo stadio olimpico, il palazzetto, la palestra, la piscina e il palazzo del ghiaccio. Tutte le strutture dell’Olympiapark sono realizzate con una particolarissima struttura in vetro acrilico che conferiscono all'intero parco olimpico un aspetto ancora oggi avveniristico e di grande ispirazione. Il simbolo più noto è la Torre olimpica, alta 290 metri, con piattaforma panoramica e ristorante girevole, che entro un’ora permette la vista aerea di tutta la città stando comodamente seduti a prendere un caffè. Il Villaggio Olimpico purtroppo è ricordato anche come teatro dell’attacco terroristico contro la squadra di atleti israeliani durante le Olimpiadi del 1972 e una lapide ne commemora l’evento.
Non molto lontano dal Villaggio Olimpico, sorge il grattacielo della BMW. L’edificio architettonicamente eccezionale, finito nel 1973, è formato da quattro torri cilindriche intorno a un "pozzo" centrale. Il guscio di cemento argentato, senza finestre, costruito in contrasto con l’edificio amministrativo, ospita invece il Museo BMW, e rappresenta la storia di quasi ottanta anni della BMW: motori aerei, motociclette e automobili.
Da non perdere il Residenz, il Palazzo Reale, il Castello di Nymphenburg, residenza estiva dei re di Baviera e il Kunstareal, il quartiere dei musei che ospita opere d’arte provenienti da tutto il mondo: Alte Pinakothek, Neue Pinakothek, Pinakothek der Moderne e Lenbachhaus. Dal rinascimento italiano alle opere dei maestri francesi, spagnoli e fiamminghi, l’arte moderna di Andy Warhol e Joseph Beuys, l’impressionismo, l’espressionismo e l’art nouveau.
Da non perdere anche l’Englischer Garten. Nel giardino inglese di Monaco di Baviera ci sono delle costruzioni particolari che vale la pena visitare. Una di queste è la struttura giapponese che si trova all’ingresso, denominata “Japanische Teehaus“, offerta dal governo di Tokyo alla città di Monaco per le Olimpiadi del 1972.
Per lo shopping non perdetevi Max Krug, il negozio specializzato in souvenir e oggetti tipicamente bavaresi. Per un buon pasto a Monaco di baviera, una delle portate più tipiche del menù è sicuramente il celeberrimo weisswurst, la tipica salsiccia bianca bavarese ottenuta dalla lavorazione della carne di vitello con la pancetta di maiale e non soggetta a salamoia che spiega la tipica colorazione bianca, servita sempre con la senape dolce e i noti Brezel, il pane salato intrecciato. Non mancate anche l’assaggio dello Schweinsbraten, maialetto arrosto e lo Schweinshaxe, stinco di maiale arrosto. Il tutto accompagnato da una buona e immancabile birra bavarese, non avete che da scegliere: Paulaner, Hacker - Pschorr, Augustinerbräu, Spaten e Löwenbräu.
Per le uscite serali a Monaco, non si ha che l'imbarazzo della scelta tra gli innumerevoli bar, birrerie, locali e discoteche che trasformano ogni serata in un'esperienza indimenticabile! Imperdibile è l’Hofbrauhaus, nel pieno centro storico di Monaco di Baviera. Fu fatta costruire nel 1589 dal duca Guglielmo V per evitare di dover acquistare la birra per il suo esercito al di fuori del regno, nella Bassa Sassonia. L'apertura al pubblico avvenne però solo nel 1828, con Luigi I di Baviera.
Se restate a Monaco di Baviera per più giorni, non perdetevi una visita di Andechs, un paesino sopra il lago di Ammer e una visita al campo di concentramento di Dachau, dove si sono perpetrate le più atroci crudeltà della Germania del Terzo Reich. Nel museo, inoltre, potrai guardare un breve documentario con ulteriori approfondimenti sulle deplorevoli azioni del partito nazista. Qui, a prezzi competitivi, uno dei pochissimi tour autorizzati a offrire una guida esperta in questo viaggio riflessivo attraverso la vita quotidiana nel campo di concentramento.

Buon weekend a Monaco di Baviera!



PHOTOGALLERY
clicca sulla foto per ingrandire
Infolinks Monaco di Baviera:
Mappa stradale
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici o lascia un commento. Grazie.
Vola a prezzi scontati!
potrebbe interessarti anche:
Innsburck1
La città di Innsbruck prende il suo nome da Inn e bruck, cioè ponte sul fiume Inn e rimase una località di confine per tutta l'epoca dell'Impero Romano.
leggi tutto
by il Vagamondo / Austria / città d'arte / 13 giu 2017
Foto AndechsAndechs e la birra dei monaci!
La leggenda di Andechs, un paesino sopra il lago di Ammer, a circa 35 km da Monaco di Baviera, narra che un Santo, nel lontano X secolo, nascose qui delle reliquie provenienti dalla
leggi tutto
by il Vagamondo / Germania / viaggi del gusto25 nov 2016
Benvenuti a Berlino, la capitale della Germania, una metropoli dinamica, giovane e cosmopolita, nel cuore dell'Europa, culla di nuove tendenze nell'architettura, nell'arte e nella moda. Proiettata nel futuro dopo la
leggi tutto
by il Vagamondo / Germania / guide viaggi / 11 nov 2016
 
 
Cerca nel sito
Torna ai contenuti | Torna al menu